Your first period

Il tuo primo ciclo


Il primo ciclo mestruale può essere spesso pieno di incertezza e confusione. Cosa significa questo per me? Sono normale? Cosa devo aspettarmi? Avere una migliore comprensione del ciclo mestruale può aiutare ad alleviare ansie e preoccupazioni. Dopotutto, nessuno ha mai tratto beneficio dal conoscere meno del proprio corpo. Meriti di sentirti sicuro dei cambiamenti che il tuo corpo sperimenta ogni mese... punto. No, non deve essere spaventoso! Quindi, approfondiamo ciò che devi sapere.

Quando avrò il mio primo ciclo?

L'età in cui una persona ha il primo ciclo mestruale può variare notevolmente, ma generalmente le persone iniziano ad avere le mestruazioni tra gli 8 e i 15 anni [1] . L'età media è di circa 12 anni, ma è importante notare che il corpo di ogni persona è diverso e non esiste una tempistica prestabilita per quando arriverà il tuo primo ciclo mestruale. Se non hai iniziato il ciclo mestruale entro i 15 anni, dovresti parlare con il tuo medico che potrebbe eseguire alcuni test per controllare i livelli ormonali.

Segni del primo periodo

Ci sono alcuni segnali che indicano che il tuo ciclo potrebbe avvicinarsi:

  1. Sviluppo del seno: potresti notare che il tuo seno sta iniziando a crescere e a cambiare forma.
  2. Cambiamenti ormonali: potresti riscontrare sbalzi d'umore, acne e altri sintomi associati a cambiamenti ormonali nel tuo corpo.
  3. Secrezioni: mentre il tuo corpo si prepara per le mestruazioni, potresti notare un aumento delle secrezioni chiare o bianche dalla vagina. Questo è del tutto normale ed è il modo in cui il tuo corpo mantiene la vagina pulita e sana.
  4. Peli pubici: potresti notare che i peli stanno iniziando a crescere intorno alla zona pubica e anche sotto le braccia.
  5. Crampi: alcune ragazze possono avvertire crampi o gonfiore nei giorni precedenti il ​​ciclo mestruale.
  6. È importante ricordare che il corpo di ognuno è diverso e potresti non sperimentare tutti questi cambiamenti prima del primo ciclo mestruale.

Quanto sangue ci sarà?

Potrebbe sembrare molto, ma durante ogni ciclo si perdono solo dai 3 ai 5 cucchiai di sangue (fino a circa 80 ml) [5] . Significa, non proprio così tanto. Il primo o due giorni del ciclo, puoi aspettarti che il flusso sia più abbondante. Man mano che il ciclo continua, il flusso dovrebbe diventare progressivamente più leggero.

Che aspetto ha il sangue mestruale?

I periodi sono disponibili in una varietà di colori. Sì davvero! Potresti aspettarti che sia solo rosso vivo, tuttavia, il sangue mestruale potrebbe anche essere molto più chiaro o più scuro. Ad esempio, potresti notare sangue marrone all'inizio o alla fine del ciclo. Totalmente normale. Puoi anche aspettarti di vedere alcuni coaguli (o grumi). Puoi trovare ulteriori informazioni nel nostro articolo sul sangue mestruale .

Va bene parlare di periodi

Che sia perché coinvolge sangue o organi riproduttivi (o entrambi) o a causa dei molti stigmi e idee sbagliate che li circondano, molte persone semplicemente non si sentono a proprio agio nel parlare del loro ciclo mestruale. Ma dobbiamo smetterla di nascondere i periodi e di parlarne a porte chiuse! Non è necessario che i periodi siano tenuti segreti, soprattutto se si considera quante persone li sperimentano. Come persona che sta avendo il primo ciclo mestruale, è importante esserne consapevole. Non sono certamente imbarazzanti, sporchi o vergognosi! Sono una parte normale dell'essere una persona con un utero.

Storie del primo periodo:

Avere il primo ciclo è diverso per tutti. Abbiamo deciso di mettere insieme una raccolta di storie del primo periodo raccontate da alcuni di noi di Snuggs:

Avevo 13 anni e visitavo la Nuova Zelanda in camper con la mia famiglia. Ripeto...un camper (non proprio molta privacy, questo è sicuro). Durante una spedizione di immersioni con i delfini, ho notato del sangue sui pantaloni del mio costume da bagno. Mi è crollato lo stomaco: per qualche motivo il ciclo mestruale mi è sembrato una cosa brutta, quasi come la perdita della mia infanzia. Sono andato subito a dirlo a mia mamma. Per lavare via il sangue, mi ha detto di andare a fare una nuotata nell'oceano. In effetti, non si è preoccupata troppo di tutto questo. Ero grato di avere con me il mio migliore amico che poteva condividere il mio orrore. All'epoca non sapevo molto del ciclo o di come gestirlo. E quindi, cercare di capire quali prodotti mestruali usare è stato difficile: credetemi, ci sono state molte perdite (e lacrime) lungo il percorso!

Ho avuto il ciclo quando avevo 10 anni. Era una mattina di un giorno feriale e dovevo andare a scuola. Mia sorella di 25 anni era con me quella mattina per aiutarmi a prepararmi. Quando sono andato in bagno, ho notato una macchia rossa sulla mia biancheria intima. Se ricordo bene, non ero scioccato o terrorizzato, solo un po' confuso, ma sapevo cosa mi stava succedendo. Ho appena gridato a mia sorella dal bagno che penso di aver avuto il ciclo. Mi ha detto che sono diventata una donna e che oggi non devo andare a scuola e, onestamente, per me era tutto ciò che contava: niente scuola? Prendilo. A ogni costo. La parte più difficile è stata nascondere il ciclo mestruale a scuola come mi aveva detto la mia insegnante: diceva che i miei compagni di classe non avrebbero capito.

Non ricordo esattamente quanti anni avevo quando mi sono arrivate le mestruazioni per la prima volta, ma quello che ricordo chiaramente è la confusione che ho provato quando ho visto del sangue sulle mie mutandine dopo essere stata in bagno. Fortunatamente mia madre era a casa, quindi potevo parlarle. Meno fortunatamente, era abbastanza aperta nel condividere questa “notizia” con mio padre, che in quel momento si sentiva molto a disagio. Parlare del mio ciclo sembrava qualcosa di molto privato che non doveva essere condiviso con il pubblico. E mi ci è voluto del tempo per sistemarmi con i miei sentimenti di insicurezza e vulnerabilità. Le mestruazioni erano un argomento delicato e nonostante tutte le donne lo sperimentassero ogni mese, nessuna sembrava a proprio agio nel parlarne apertamente. Beh, a parte la pubblicità in TV che sembrava qualcosa che i bambini non dovrebbero guardare. Ricordo ancora quanto fosse impegnativo tirare fuori il blocco dallo zaino a scuola, il più segretamente possibile, in modo che nessuno dei miei compagni se ne accorgesse.

Quanto durerà il mio ciclo?

Il tuo ciclo mestruale può durare fino a 7 giorni [6] . Tuttavia, le variazioni nella durata del ciclo sono comuni e questo probabilmente cambierà nel corso della tua vita riproduttiva. Se soffri regolarmente di periodi che durano più di 8 giorni, dovresti parlare con il tuo medico [7] .

Quali prodotti mestruali dovrei usare?

La scelta dei prodotti mestruali può creare confusione. Che tipo dovresti scegliere? Bene, questo dipende totalmente da te. Non esiste un prodotto giusto o sbagliato, l'importante è trovare quello che ti fa sentire meglio. Inizialmente, ciò potrebbe comportare un po’ di sperimentazione. Alcune delle tante opzioni:

Biancheria intima mestruale – Un prodotto di biancheria intima mestruale funziona come la normale biancheria intima, ma può assorbire il flusso mestruale, quindi puoi indossarlo al posto di tamponi e assorbenti. Fantastico, vero? Sono disponibili molti tipi di biancheria intima mestruale che variano in termini di assorbenza. Si va da un flusso leggero a extra pesante. Un grande vantaggio di questo prodotto è che sono stati progettati per sembrare meno ingombranti e dare la sensazione di vera biancheria intima. Non solo, la biancheria intima per il periodo può essere lavata, indossata e lavata di nuovo: evviva i prodotti per il periodo sostenibili!

Cuscinetti : variano nello spessore. Nei giorni in cui il flusso è più leggero, puoi scegliere di utilizzare un assorbente più sottile, a volte chiamato salvaslip. Nei giorni più pesanti, ci sono opzioni più spesse e assorbenti. Ci sono anche i materassini per dormire! Alcune persone preferiscono usare assorbenti con alette che si ripiegano sui bordi della biancheria intima per aiutarli a mantenerli in posizione, ma questa è una preferenza personale. Ci sono anche assorbenti riutilizzabili che puoi usare e lavare! Molte scelte!

Assorbenti – ci sono molti assorbenti di diverse dimensioni, alcuni leggeri, altri normali e alcuni super. La maggior parte delle persone inizia con tamponi leggeri, ma nei giorni più pesanti puoi scegliere di cambiare taglia. Ad alcune persone piace anche usare gli applicatori di assorbenti interni. Sono uguali ai normali assorbenti interni ma invece di inserirli con le dita, sono dotati di un applicatore di plastica o di cartone (un tubo che contiene l'assorbente) progettato per facilitare l'inserimento. La procedura per inserire un tampone può essere trovata qui .

Coppette mestruali : le coppette mestruali sono simili agli assorbenti perché vengono inserite nella vagina. Questi sono fatti di silicone e trattengono il sangue fino allo svuotamento. Possono anche essere riutilizzati.

E le perdite?

È normale preoccuparsi che il ciclo fuoriesca attraverso i vestiti. Se ciò accade, non preoccuparti, praticamente tutti noi siamo stati lì. Non c'è vergogna in questo! Puoi legare un maglione o un maglione intorno alla vita finché non puoi cambiarti e usare alcuni prodotti mestruali. Proprio per questo motivo può essere utile portare sempre con sé alcune provviste per il periodo di emergenza.

Un assorbente può perdersi dentro di me?

No, non può. Quando inserisci un tampone, rimane nella tua vagina. L'unica altra apertura è attraverso la cervice (nella parte superiore della vagina). Ma è troppo piccolo perché possa passare un assorbente. Tutti i tamponi sono dotati di un cordino a un'estremità che rimane fuori dal corpo. Puoi rimuovere il tampone in qualsiasi momento utilizzando questo cordino.

Perché sento i crampi?

Per espellere l'endometrio (rivestimento dell'utero), l'utero si contrae o si contrae. Questo è ciò che crea la sensazione di crampi. Per alcune persone, i crampi possono essere lievi, mentre per altri possono essere intensamente gravi. Ma non temere, ci sono alcune misure che puoi adottare per alleviare i crampi, come usare una borsa dell'acqua calda o un cuscinetto riscaldante sullo stomaco e sulla parte bassa della schiena, fare esercizio fisico regolare e rimanere ben idratati. Puoi anche scegliere di prendere qualche antidolorifico da banco. Se i crampi e i dolori mestruali ti sembrano debilitanti, ovvero non puoi andare a scuola, svolgere attività sociali o alzarti dal letto (o se incidono sulla qualità della tua vita in altri modi), parla con il tuo medico.

Va bene parlare di periodi

Che sia perché coinvolge sangue o organi riproduttivi (o entrambi) o a causa dei molti stigmi e idee sbagliate che li circondano, molte persone semplicemente non si sentono a proprio agio nel parlare del loro ciclo mestruale. Ma dobbiamo smetterla di nascondere i periodi e di parlarne a porte chiuse! Non è necessario che i periodi siano tenuti segreti, soprattutto se si considera quante persone li sperimentano. Come persona che sta avendo il primo ciclo mestruale, è importante esserne consapevole. Non sono certamente imbarazzanti, sporchi o vergognosi! Sono una parte normale dell'essere una persona con un utero.

Come parlare ai tuoi genitori del tuo primo ciclo mestruale

È del tutto normale sentirsi un po' nervosi o insicuri su come parlare ai tuoi genitori del tuo primo ciclo mestruale. Ma ricorda, i tuoi genitori si prendono cura di te e vogliono supportarti durante questa nuova esperienza. Ecco alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarti a rendere la conversazione un po’ più semplice:

  1. Scegli il momento giusto: scegli un momento in cui i tuoi genitori non sono troppo occupati o stressati per avere una conversazione con te.
  2. Sii onesto e diretto: fagli sapere che hai domande o dubbi sul tuo primo ciclo mestruale e che vorresti il ​​loro aiuto e supporto.
  3. Usa affermazioni in prima persona: invece di dire "Non capisci" o "Non me lo hai mai detto", usa affermazioni in "io", come "Sono confuso" o "Voglio saperne di più". Ciò renderà la conversazione meno conflittuale e più collaborativa.
  4. Ricorda che è normale: probabilmente i tuoi genitori hanno già vissuto questa situazione e capiranno come ti senti.
  5. Follow-up: una volta terminata la conversazione, assicurati di seguirli e far loro sapere come stanno andando le cose. Ciò contribuirà a mantenere aperte le linee di comunicazione e a garantire un supporto continuo.

Come parlare a tuo figlio del suo primo ciclo mestruale

Può essere un compito arduo iniziare a parlare con tuo figlio del ciclo. Ma come genitore, è tuo ruolo e responsabilità assicurarti che tuo figlio si senta preparato e a suo agio mentre attraversa questa nuova (e spesso terrificante) esperienza. Ecco alcuni suggerimenti per aiutare a rompere il ghiaccio.

  1. Inizia presto: è meglio iniziare a parlare delle mestruazioni molto prima del previsto primo ciclo mestruale di tuo figlio, in modo che abbiano il tempo di elaborare le informazioni e porre eventuali domande. Fai sapere a tuo figlio che sei lì per sostenerlo e che lo aiuterai in questa nuova esperienza.
  2. Non è una conversazione: una buona educazione alla salute mestruale richiede molte conversazioni in evoluzione. Quindi, non è necessario sovraccaricarli con tutte le informazioni in una sola seduta. Prova molte conversazioni brevi e brevi.
  3. Utilizza un linguaggio adatto all'età: assicurati di utilizzare un linguaggio che tuo figlio possa comprendere ed evita di utilizzare termini tecnici. Potresti anche provare a porre domande aperte e valutare ciò che tuo figlio già sa: potresti rimanere sorpreso.
  4. Sii aperto e onesto: fai sapere a tuo figlio che le mestruazioni sono una parte normale e naturale della crescita e che non c'è nulla di cui vergognarsi o imbarazzarsi.
  5. Incoraggia le domande: fai sapere a tuo figlio che sei lì per rispondere a qualsiasi domanda possa avere e che va bene se non capisce tutto subito. Se non conosci la risposta a una domanda, dì loro che tornerai da loro o, meglio ancora, cercate insieme la risposta.
  6. Fornisci risorse affidabili: fornisci a tuo figlio risorse come libri o siti Web che possono fornire ulteriori informazioni sulle mestruazioni e su come gestirle. Una grande risorsa è Amaze e un libro utile è The Period Book di Karen Gravelle. Questi possono essere sfogliati a piacimento di tuo figlio e puoi usarla come un'opportunità per verificare con loro se hanno domande senza risposta.

Alcuni consigli per i giovani su come affrontare il primo ciclo:

  • Usa il prodotto mestruale che ritieni più adatto a te, che si tratti di biancheria intima mestruale, assorbenti, tamponi o coppette mestruali. Spesso questo si riduce a tentativi ed errori e, lentamente ma inesorabilmente, imparerai cosa funziona meglio per te.
  • Tieni traccia del tuo ciclo mestruale: può essere incredibilmente utile per avere un'idea migliore di ciò che è normale per te e per capire cosa sta succedendo al tuo corpo nei diversi momenti del mese.
  • Sii pronto: soprattutto quando iniziano le mestruazioni, è più probabile che siano irregolari. Ciò significa che potrebbero fare un'apparizione a sorpresa di tanto in tanto. Può essere utile essere preparati portando nella borsa alcuni prodotti mestruali, un cambio di vestiti in caso di perdite e tutto ciò che potrebbe essere necessario per gestire i dolori mestruali.
  • Sii gentile con il tuo corpo e ricorda di dare priorità alla cura di te stesso, indipendentemente dal fatto che ciò possa significare per te.

Hai altre domande?

Lo capiamo perfettamente! Può essere un periodo confuso e scoraggiante quando si tratta di navigare tra i periodi. Siamo qui per te, sentiti libero di farci qualsiasi domanda a cui desideri ricevere risposta. Puoi anche parlare con qualcuno nella tua vita di cui ti fidi o con il tuo medico.

Riferimenti